Italian journalist, documentary filmmaker, and my great friend Livia Manera on Philip Roth, French intellectual impotence, and the failure of French Feminism (in Italian, English tk, and I get a mention)

Phillipe Sollers and Alain Finkielkraut

 

In the op-ed below published in today’s Corriere Della Sera, Manera paints a hilarious, if pathetic, portrait of a scene on a French tv show in which a prominent author–Alain Finkielkraut–expresses his dismay over her documentary on Philip Roth, “Roth on Roth” (click here for NYTimes review) which he admits he hasn’t actually seen but has heard about from another French intellectual–Philippe Sollers–who had publicly expressed his sorrow for the film’s subject, Philip Roth, because those interviewed about him for the film were “old and ugly women,” one of whom was the “hyper-neurotic” Mia Farrow. Out of the eight talking heads on the show, four of whom were women, only one young man reacted to Finkielkraut’s comment by mumbling, “Well, Sollers is not so young himself.”

 

Quel maschilismo alla tv francese e

 l’indifferenza delle donne

Finkielkraut e le critiche al documentario di Philip Roth. «Non l’ho visto, ma parlavano due vecchie, una delle quali è l’attrice iper nevrotica»

L’invettiva dello scrittore sulle «brutte» rimasta senza reazione

 

Parigi, le dieci di sera. Accendo la televisione su France 2 e sento Alain Finkielkraut, che è lì per presentare il suo nuovo libro sull’amore in letteratura «Et si l’amour durait», introdurre il «concetto spinoziano » di «passion triste» (restate conme), che oggi si troverebbe sempre più spesso in opposizione a quello di «allegria militante». Beh, mi dico: siamo in Francia. Ma la mia attenzione s i concentra quando Finkielkraut sceglie di portare a esempio di «passion triste», il documentario mio e di William Karel «Philip Roth sans complexe», andato in onda qualche giorno prima su Arte. Finkielkraut dice di non averlo visto, e quindi di non potere esprimere un giudizio. Ah sì, mi dico, allora chissà perché ne parla. «Ma Philippe Sollers lo ha descritto sul Journal du Dimanche come il ritratto di un rimbambito che parla della morte, accompagnato da una musica dolorosa di Mahler e dalla testimonianza di due donne vecchie e molto brutte, una delle quali, aggiungeva, è l’iper nevrotica Mia Farrow». A questo punto vorrei dare un’immagine del set della trasmissione «Avant-premières» che ha ospitato questo intervento: un salotto dai divani rosa shocking circondati da un pubblico gaudente. Sui divani, una giovane conduttrice piuttosto su di giri, due scrittori — Jean d’Ormesson e Alain Finkielkraut — e «quattro moschettieri della cultura» (sic): una biondina accanto a Finkielkraut, una rossa accanto a d’Ormesson, e due maschi, il cui compito condiviso è quello di porre domande agli ospiti e pungolarli sulle risposte. Ma l’osservazione di Finkielkraut/Sollers sulle donne brutte e vecchie che rovinano l’immagine «Philip Roth le Roi», come lo ha appena chiamato il Nouvel Observateur in una copertina, passa del tutto liscia. E così pure il fatto che Finkielkraut stia commentando con parole imbarazzanti e nemmeno sue un film che non ha visto. La puntata, intitolata «La Droite qui pense» continua nella forzata festosità delle trasmissioni pop francesi. E io mi dico: se questa è la Destra che pensa, chissà come sarà la Destra scema. Devo dire che ha un vantaggio, Parigi, rispetto ad altre città. È come un grande laboratorio di culture comparate. L’episodio di cui sopra, per esempio: il mio primo pensiero è che in America avrebbe comportato la radiazione di Finkielkraut e di Sollers dall’albo degli intellettuali seri; e persino nell’Italia dei nani e delle ballerine voglio credere che più di una giornalista intelligente avrebbe fatto pelo e contropelo a un’osservazione così pateticamente maschilista come quella sulle testimoni brutte e vecchie «tra cui l’iper nevrotica Mia Farrow », tanto per non risparmiarci un cliché. Qui in Francia, invece, le moschettiere che sono lì per intervenire, tacciono. «Questo ti dimostra quanto lo sciovinismo maschile sia ancora radicato nella società francese», mi scrive Maia de la Baume, trentenne giornalista francese che lavora alla sede parigina del New York Times. «Pensavo che gli uomini intelligenti avessero superato certi tipi di commenti. Mi fanno rabbia ma mi fanno anche una terribile tristezza», sbotta la scrittrice e reporter di guerra Janine Di Giovanni. E vedo che Jenny McPhee, romanziera americana che ha studiato a Parigi con la semiologa e psicanalista legata a Sollers Julia Kristeva, riferisce l’episodio sul suo blog dicendo che «è una vergogna che a certi dinosauri della cultura sia ancora concesso di inquinare i media con la loro misoginia». Si può sempre contare sulle femministe americane. Il problema, per me che osservo da outsider la società francese (tre anni fa mi sono trasferita a Parigi), è che questa misoginia non è soltanto un tratto di volgarità intellettuale che le donne francesi sopportano con un certo indifferente sdegno. È anche è uno dei sintomi di quanto la Francia sia rimasta in questi anni indietro, arroccandosi nella difesa di un’identità che da un lato le ha permesso di mantenere l’autonomia da una certa nefasta influenza americana (la gente non è obesa, i cinema non puzzano di pop corn rancido e i tutti preferiscono le brasseries ai McDonald’s), ma dall’altro le ha impedito di immettere nuova linfa nella propria cultura e di rinnovarla. Con il risultato — per parafrasare un’immagine dello storico inglese Tony Judt—che la fioca luce che illumina molti degli intellettuali francesi oggi, somiglia a quella di una stella lontanissima la cui fonte originale è ormai estinta. Da noi si raccomanderebbe loro la proverbiale gita a Chiasso. Quando la New York Review of Books ha organizzato lo scorso giugno tre giorni di dibattito in una sala di Science Po, per parlare di argomenti come il futuro della Socialdemocrazia, gli errori della politica estera americana e il rapporto tra gli intellettuali francesi e il potere, portando studiosi del calibro di Richard Sennett e Ronald Dworkin ad alimentare una discussione di un livello intellettuale e di una libertà di pensiero emozionanti, non ho visto francesi in giro salvo due o tre eccezioni. E mi è rimasto il sospetto che anche quei due o tre sarebbero rimasti a casa se il padrone di casa Bob Silvers non li avesse coinvolti a parlare sul palco. Per tornare a Finkielkraut, Sollers, Philip Roth e le donne. «Mi sono detto: cosa?!», è saltato su Finkielkraut dopo aver citato l’insofferenza di Sollers davanti alla decrepitudine che contamina il film «Philip Roth sans complexe». «Si vuole colpevolizzare l’inquietudine di quest’uomo davanti alla morte, come se effettivamente il conflitto ultimo tra progressisti e reazionari potesse riassumersi nella battaglia tra il fronte dell’allegria e quello della tristezza?» (restate con me).
Livia Manera
21 ottobre 2011 10:03
Advertisements

Leave a comment

Filed under Uncategorized

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s